Quattro Giornate

Nella ritrovata piazza Quattro Giornate, che fiancheggia lo stadio vomerese del Collana, la stazione rievoca, da un punto di vista artistico, i giorni che resero Napoli libera durante la Seconda Guerra Mondiale. Inaugurata nell'aprile 2001 con doppia denominazione (Cilea-Quattro Giornate), su richiesta del sindaco la stazione rimasta intitolata solo alle IV giornate nel 2003, in occasione del sessantesimo anniversario dell'evento.

La piazza stata risistemata con ampi spazi di aggregazione, un emiciclo e un'area con tavoli e panche di legno; sono state ripristinate le statue di atleti esistenti precedentemente all'apertura dei cantieri, e sono stati inseriti ampi spazi verdi, piante e prati che sanciscono una netta separazione dalla strada e dal traffico.

Foto Daniele Pizzo - 2003
Foto Daniele Pizzo - 2003
Foto Daniele Pizzo - 2003
Foto Daniele Pizzo - 2003
Foto Daniele Pizzo - 2003

La piazza Quattro Giornate

L'interno della stazione una sorta di museo d'arte contemporanea, con particolare risalto alla celebrazione delle eroiche Quattro Giornate di Napoli. Il ballatoio d'ingresso, ampio e luminoso reso elegante da marmi e impreziosito da sculture e pannelli.

Foto Daniele Pizzo - 2003

Foto Daniele Pizzo - 2003

Foto Daniele Pizzo - 2003

Il piano mezzanino della stazione

Le opere ospitate nel piano mezzanino sono tutte di Nino Longobardi. Le due discenderie servite da scale mobili, pur meno pratiche degli ascensori, permettono di ammirare i numerosi pannelli di artisti come Umberto Manzo, Anna Sargenti, Baldo Diodato, Maurizio Cannavacciuolo, Betty Bee, che si susseguono uno dopo l'altro sia nel percorso di discesa che in quello di salita. Il colore dominante della stazione il verde.

Foto Daniele Pizzo - 2003
Una delle rampe "artistiche" della stazione

La disposizione delle opere nella stazione descritta nel seguente schema; cliccare sulle singole miniature per visualizzarle in dettaglio.

Cliccare sull'opera desiderata - Copyright Daniele Pizzo 2003

Dal punto di vista tecnico, va evidenziato che, in futuro, la stazione destinata a diventare nodo di interscambio tra la linea 1 e la ferrovia Circumflegrea (ferrovia che in seguito sar riconvertita nelle linee 5 e 7 della metropolitana): tapis roulant, 4 ascensori e 6 scale mobili la connetteranno ad una stazione di nuova costruzione profonda 100 metri -la stazione di metropolitana pi profonda del mondo-, per la quale previsto un investimento di circa 40 milioni di euro.

Copyright Daniele Pizzo 2003

copyright Daniele Pizzo


Torna a Metr dell'Arte
Torna a Trasporti
Torna a Home Page